Centro Europeo di Studi di Nisida


Osservatorio e Banca Dati sul Fenomeno
della Devianza Minorile in Europa

United Nations: Committee on the Rights of the Child

Pubblicazione del nuovo Commento generale No. 24(2019) CRC/C/GC/24 sui diritti dei minori nel sistema della giustizia minorile a cura del Comitato sui diritti dell'infanzia delle Nazioni Unite

In data 18 settembre 2019 è stato pubblicato dall'Ufficio dell'Alto Commissario per i Diritti Umani della Nazioni Unite (OHCHR) il Commento generale No. 24 (2019) sui diritti dei minori nel sistema della giustizia minorile a cura del Comitato sui diritti dell'infanzia delle Nazioni Unite che sostituisce il precedente Commento generale No. 10 del 2007 (CRC/C/GC/10).
Il nuovo Commento generale No. 24 riflette gli sviluppi verificatisi dal 2007 in poi a seguito della diffusione degli standard internazionali e regionali, della giurisprudenza del Comitato dei diritti dell'infanzia (CRI), delle nuove conoscenze scientifiche sullo sviluppo dei bambini e degli adolescenti e delle buone pratiche ed esperienze operative, incluse quelle di giustizia riparativa.
Obiettivo generale del nuovo Commento generale delle Nazioni Unite No. 24 è quello di rendere maggiormente organici i sistemi della giustizia minorile che promuovono e proteggono i diritti dei minori e di attualizzare gli articoli ed i principi contenuti nella Convenzione sui diritti dell'infanzia alla luce dei mutamenti intervenuti nella società odierna. Tra gli obiettivi specifici si osserva l'esigenza di ribadire il ruolo della prevenzione e dell'intervento precoce nel ridurre la criminalità minorile, di promuovere l'approccio multidisciplinare dei servizi minorili della giustizia e di attuare tutte le strategie possibili per ridurre gli effetti dannosi del contatto del minore con il sistema penale.
Il Comitato dei diritti dell'infanzia sottolinea l'esigenza di incrementare le procedure alternative al processo penale (diversion), di fissare in modo stabile l'età minima della responsabilità penale, di porre fine all'uso della pena corporale, della pena capitale e dell'ergastolo, di ampliare l'applicazione delle misure non detentive, di assicurare la residualità della detenzione per i minorenni e di prevedere, nei casi in cui ciò non sia possibile, la detenzione solo per i minorenni più grandi di età (almeno 16 anni), predisponendo revisioni periodiche della misura detentiva. Il Commento generale inoltre affronta per la prima volta questioni specifiche, come quelle relative ai minori reclutati e utilizzati da gruppi armati, compresi i gruppi terroristici, ed i minori nei sistemi giudiziari abituali, indigeni o di altro tipo.




Pubblicata il: 11/10/2019


Allegati alla news Allegati:

General Comment No. 24 on children rights in the child justice system

Sintesi Commento Generale No 24(2019)

Ministero della Giustizia  Dipartimento per la Giustizia Minorile - Ufficio Studi, Ricerche e Attività Internazionali